Tenuta contabilità, dichiarazioni fiscali e bilancio di esercizio

Hai un'attività di impresa o professionale?Lo studio si occupa della tenuta della contabilità, delle liquidazioni IVA periodiche, del calcolo e versamento delle imposte dovute alle scadenze di legge, della predisposizione ed invio telematico delle dichiarazioni e delle comunicazioni fiscali obbligatorie, dell'adempimento degli obblighi contributivi ed assicurativi.

Gli obblighi previsti dalla normativa fiscale sono differenziati a seconda del regime utilizzato. Attualmente la normativa fiscale prevede tre regimi applicabili: il regime forfetario, il regime di contabilità semplificata ed il regime di contabilità ordinaria.

Il regime forfetario è quello più semplificato e meno costoso, riservato esclusivamente ad imprenditori individuali e professionisti che rispettino determinati limiti dimensionali (di fatturato, ma non solo). Questo regime prevede l'esclusione da IVA, IRAP, Studi di settore, Comunicazione spesometro (elenchi clienti/fornitori). Permangono, inalterati, gli obblighi di fatturazione, di presentazione della dichiarazione dei redditi, di versamento periodico delle imposte dovute in saldo ed in acconto alle scadenze di legge, di liquidazione e versamento dei contributi INPS ed INAIL.

Il regime di contabilità semplificata è rivolto ai professionisti ed agli imprenditori individuali che superano le soglie previste dal regime forfetario, nonchè alle società di persone  (s.s., s.n.c., s.a.s.). Nel caso di soggetti imprenditori (individuali o società di persone), per permanere in questo regime occorre rispettare un tetto massimo relativo ai ricavi prodotti annualmente: 400.000 euro per imprese che hanno ad oggetto la prestazione di servizi, 700.000 euro per le imprese che si occupano di altre attività (industriali e commerciali). I professionisti, invece, possono sempre applicare il regime di contabilità semplificata a prescindere dall'entità dei compensi percepiti nell'anno. Per i contribuenti in regime di contabilità semplificata non valgono più le semplificazioni previste dal regime forfetario e, di conseguenza, la gestione risulta più costosa.

Gli imprenditori individuali e le società di persone che superassero questo limite di ricavi dovranno necessariamente applicare il regime di contabilità ordinaria, che prevede adempimenti ulteriori (tenutà di una contabilità analitica per singolo movimento, obbligo delle registrazioni relative a cassa e banca, obbligo di predisposizione del libro giornale e del libro inventari). Il regime di contabilità ordinaria, infine, è sempre obbligatorio per le società di capitali (S.r.l., S.r.l.s, S.p.a., S.a.p.a.), a prescindere dal volume di ricavi prodotti annualmente.

La scelta del regime fiscale è di fondamentale importanza, in quanto consente di accedere a risparmi anche molto rilevanti. Lo studio assiste consiglia tutti i clienti, siano essi già in attività o in procinto di avviarla, con riguardo al regime fiscale ottimale da applicare nel caso concreto. Ciò al fine di minimizzare il carico tributario e contributivo complessivo, nonchè i costi di gestione dell'attività.

 

 

 

 

Richiedi una conuslenza

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy relativa al trattamento dei dati resa ai sensi dell'Art. 13 D.lgs. 196/2003 e del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali EU 2016/679 (GDPR) e, di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali per le finalità ivi indicate.

*I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.

CAPTCHA
Per inviare il messaggio è necessario compilare il filtro anti Spam.
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri visualizzati